Contributo a fondo perduto.

L'articolo 10 del D.D. 51/2017 prevede un contributo economico a fondo perduto per l'installazione di impianti di produzione di energia da FER che garantiscano la copertura del 100% dei consumi di energia elettrica dell'unità immobiliare; tale contributo è pari al 30% delle spese sostenute fino ad un massimo di complessivi euro 3.000,00 di contributo.

  • le unità immobiliari devono essere poste all’interno di edifici classificati, ai sensi dell’articolo 3, comma 2, lettera aa) della Legge n. 48/2014, nelle categorie E.1, E.2, E.4 con esclusione di cinema, teatri, sale di riunione per congressi, mostre, musei, biblioteche, ristoranti e sale da ballo ed E.5 limitatamente ai negozi.
  • Possono beneficiare del contributo gli impianti che usufruiscono del regime di scambio sul posto previsto dagli articoli 22 e 23 della Legge n. 48/2014.
  • Gli incentivi  sono riferiti esclusivamente alla persona fisica,  persona fisica operatore economico e persona giuridica  proprietaria dell'immobile sul quale si realizza l'installazione dell'impianto, ai titolari di contratto di locazione finanziaria o ai soci di cooperative di abitazione.

 

IMPIANTI FOTOVOLTAICI CON REGIME SPECIALE DI SCAMBIO SUL POSTO

Possono, altresì, beneficiare di detrazione d’imposta gli impianti che usufruiscono del regime speciale di scambio sul posto di cui all’articolo 9 del Decreto Delegato 24 luglio 2014 n.120 o meglio il meccanismo che consente nella possibilità di operare, su base annuale, il saldo fra la quota parte di energia immessa in rete e energia prelevata dalla rete quale utente dell’Azienda Autonoma di Stato per i Servizi Pubblici; tale regime speciale consente al soggetto di utilizzare beni immobili di proprietà oppure in diritto di superficie, non necessariamente all’interno della particella catastale ove avviene il prelievo di energia elettrica, al fine di soddisfare il proprio fabbisogno energetico, immettendo energia in altri punti.

L’energia immessa in rete è data dalla somma di tutte le energie immesse; il saldo, su base annuale, è dato dalla differenza tra l’energia immessa in rete e l’energia prelevata dalla rete. Qualora il saldo risulti positivo, l’energia elettrica prodotta in eccesso costituisce credito energetico da utilizzarsi entro l’anno solare successivo.

  • Possono beneficiare del regime speciale gli impianti fotovoltaici di potenza non superiore a 6 kW.
  • Possono beneficiare del regime speciale:

- persona fisica, persona fisica operatore economico e persona giuridica, se proprietari o titolari di diritto di superficie sul bene immobile (vincolato per almeno 15 anni) sul quale si realizza l'installazione di un impianto da incentivare.